Un’infanzia fra note e vinili, Il fondatore di Fixa, Marco Ferretti si racconta

“Vissi d’arte, vissi d’amore”. L’incontro magico fra Marco Ferretti e la musica è avvenuto all’interno di una culla. Il fondatore di Fixa è nato e cresciuto fra note, melodie e creatività. Padre scultore e pittore, mamma e nonna studentesse di Conservatorio. Una famiglia di artisti la cui vita si è mossa fra quadri, vinili e armonia. «Nella mia casa si è sempre respirata aria musicale – ricorda Ferretti, cuore e anima dell’etichetta discografica senigalliese -. Fin da piccolo, ero abituato ad ascoltare canzoni e composizioni. L’arte permeava le mie giornate di bambino. Dall’età di 6 anni, quindi, ho iniziato a studiare il flauto, ottenendo il diploma in Conservatorio. Inoltre, ho studiato Musica Corale e Direzione di Coro ed è stata un’ulteriore svolta della mia carriera artistica». Dai primi saggi ai concerti veri e propri, dalle esibizioni scolastiche ai grandi palchi di teatro. Compreso il Rossini Opera Festival. Quindi, la fondazione del primo coro. «La passione per la musica, che ormai mi accompagna da tanti anni, è cresciuta progressivamente – le parole di Ferretti -. Più si conoscono gli autori più si sente l’esigenza di approfondire questo variegato mondo. Ogni giorno apprendo qualcosa di nuovo, ed è il bello dell’arte».

Nativitas Domini, Marco Ferretti protagonista nella raccolta di composizioni dedicate al Natale della Comunità di Bose

Si chiama Nativitas Domini ed è un volume di 23 nuove composizioni corali dedicate al Natale. Marco Ferretti, anima e cuore dell’etichetta discografica Fixa, rappresenterà le Marche all’interno di questa raccolta ideata da Feniarco in collaborazione con la Comunità Ecumenica di Bose, alla quale è stata affidata la scelta dei testi da musicare. Alcuni sono stati scritti appositamente per l’occasione e altri sono stati tratti dal loro Innario. Attraverso le loro opere, i 23 compositori, uno per regione appunto, hanno prestato la loro sensibilità musicale innestandola su testi a tema natalizio da distribuire su tutto il territorio nazionale. Il flautista e compositore Marco Ferretti, fondatore di Fixa, è stato selezionato direttamente da Feniarco, la Federazione Nazionale Italiana Associazioni Regionali Corali, e ha scritto la musica su testo fornito da uno dei monaci della comunità di Bose, i quali appartengono a chiese cristiane diverse e cercano Dio nell’obbedienza al Vangelo, nella comunione fraterna e nel celibato. Una raccolta corale, dunque, nella sua più ampia accezione del termine che, sia nell’esecuzione concertistica che in quella liturgica, celebra la parola e la musica nella contemplazione del mistero della fede attraverso la naturale espressività delle voci dei cori in un crogiuolo di semplicità, silenzio, stupore e gioia dello spirito. Gli scritti, nella loro semplicità, donano una profondità impalpabile che travalica la tenerezza dell’evento umano, riportando così la centralità sulla misericordia del Dio trinitario e si fanno portatori di un’autorevolezza originale che trasforma l’annuncio dalla sua dimensione escatologica a un avvenimento storico. Non resta che attenderne l’uscita…

Le Donne di Dante

Marco Ferretti protagonista all’interno dell’opera “Le Donne di Dante”, realizzata dalla Maestra Miriam Comito. Il concerto è in programma per domani, sabato 9 ottobre, alle ore 20,30 presso il Centro Culturale di Locca (TN) Coro Cima d’Oro. 6 composizioni italiane, inedite che richiamano 6 figure femminili della Divina Commedia. Oltre al “nostro” Marco Ferretti, presenti i compositori: Gianmartino Durighello, Giuseppe Mignemi, Cecilia Vettorazzi, Francesco Milita e Alessandro Kirschner. “Mirra” è il titolo della composizione di Marco Ferretti: un’opera a 4 Voci e Violoncello. Ripercorre le celebri terzine tratte dalla Commedia del sommo poeta fiorentino, basate sulla scellerata vicenda di Mirra che, innamorata del padre, falsifica le sue sembianze per congiungersi con lui in un rapporto incestuoso.
Dante Alighieri (1265-1321), estratto da La Divina Commedia, Inferno, CANTO XXX., Versi 37-41
Ed egli a me: quell’è l’anima antica
Di Mirra scelerata, che divenne
Al padre, fuor del dritto amore, amica.
Questa à peccar con esso così venne,
Falsificando se, in altrui forma.

Festival Corale Internazionale “Guido d’Arezzo”

Ha risuonato ad Arezzo, al Festival Corale Internazionale “Guido d’Arezzo” 2021, l’opera ‘Mare’ di Marco Ferretti. La performance, curata dall’Ensemble Vocale Femminile Kastalia nell’ambito del Concerto finale del Corso Base della Scuola Superiore per Direttori di Coro “Guido d’Arezzo”, si è tenuta Domenica 22 Agosto 2021 presso la Chiesa di San Michele.

Mirra

Completata la stesura dell’opera ‘Mirra’ a 4 Voci e Violoncello, commissionata da Miriam Comito per il progetto Le Donne di Dante. L’opera ripercorre le celebri terzine tratte dalla Commedia del sommo poeta fiorentino, basate sulla scellerata vicenda di Mirra che, innamorata del padre, falsifica le sue sembianze per congiungersi con lui in un rapporto incestuoso.

Concerto nella Biblioteca Vallicelliana

Mercoledì 7 luglio 2021 sarà possibile ascoltare a Roma, l’opera ‘Tanto gentile’ di Marco Ferretti, recente lavoro per Insieme Vocale a 4 voci a cappella su testo di Dante Alighieri. L’esecuzione, a cura dell’Ensemble Suavis diretto dal maestro Andrea Savo, si terrà nell’ambito del concerto “Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia…”, in programma alle ore 18 presso il Salone Borromini della Biblioteca Vallicelliana.